CALENDARIO SCOLASTICO

L'attività didattita inizia il 1° settembre 2019 e termina il 30 giugno 2020.

Periodi di sospensione:

                Predisposte da calendario della PAT

Questioni igienicosanitarie:

a) certificazione per la riammissione del bambino alla frequenza dopo un’assenza: l’art 2 della L.P. n. 19 del 15/11/2007, ha abolito nel territorio provinciale l’obbligo della presentazione del certificato medico di riammissione a scuola dopo un’assenza per malattia di oltre  5 giorni; 

b) certificazioni d’avvenute vaccinazioni: la Delibera della Giunta Provinciale n. 17 del 13/01/2012,  confermata dalla delibera della G.P. n. 2970 del 27/12/2012, sospende l’obbligo di presentazione della certificazione di avvenuta vaccinazione ai fini scolastici, prevista dalla deliberazione della Giunta Provinciale n. 2260 del 08/09/2000; vedi anche art 9 L.P. 19 del  5/11/2007. Tuttavia, il punto 4.8 delle norme d'iscrizione prescrive che il CdG, all'atto dell'ammissione, è tenuto ad accertare se siano state praticate ai bambini le vaccinazioni obbligatorie, richiedendo la presentazione di una dichiarazione sostitutiva, ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 e s.m. e i. (la domanda di iscrizione è predisposta per lo scopo). La scuola si atterrà in ogni modo alle disposizioni dall’Azienda Sanitaria.

Corredo del bambino e igiene personale: la scuola non richiede espressamente il grembiulino, esso può essere in ogni modo usato se la famiglia lo ritiene pratico.
E’ in ogni modo importante che l’abbigliamento sia semplice e pratico; si chiede di evitare vestiti a cui si tiene in modo particolare e, soprattutto, cinture, bretelle e bottoni di difficile gestione da parte del bambino, in particolare i più piccoli che matureranno solo nel tempo adeguate autonomie.
 
Per eventuali imprevisti, specie i bambini di tre anni, è opportuno prevedere un cambio da custodire in un sacchetto di stoffa a scuola.
Per tutti è richiesto uno zainetto (per portare a scuola e riportare a casa il cambio settimanale da lavare), un bavaglino, un paio di calzini antiscivolo, un paio di pantofole, un asciugamano da ospiti con l’asola per appenderlo, lo spazzolino da denti, il dentifricio e i fazzoletti di carta.
 
Gli oggetti personali dei bambini dovranno essere opportunamente contrassegnati.
Per i piccoli che fruiscono del dormitorio è necessario anche un cuscino antisoffoco, un paio di lenzuola da lettino e una copertina leggera, il tutto riposto in un sacchetto di stoffa, anche questo con il contrassegno.
 
Feste in sezione: sono gestite dalle insegnanti con cui è indispensabile concordare modi e tempi della festa (compleanni, ecc.). Si sta valutando se sia opportuno per i genitori portare a scuola dei dolci, considerata la presenza di bambini con diverse patologie, situazioni che potrebbero escludere tali bambini dalla partecipazione alla festa, e tenuto contro che l’imprevisto spuntino potrebbe poi disturbare il pranzo.
 
Dormitorio: è organizzato tenendo conto di criteri di vivibilità, sulla base dello spazio disponibile e alle risorse di personale da dedicare al servizio. Con questi presupposti è pertanto garantito il servizio a tutti i bambini del primo anno e ai bambini inseriti nel gennaio dell’anno precedente.
 
Deleghe per ritiro dei bambini: sarà chiesta la sorttiscrizione di un modulo con i nominativi ed i recapiti telefonici delle persone autorizzate a ritirare il bambino in vece del genitore.
 
Autorizzazioni alle uscite: sarà proposta la sottoscrizione di un modulo autorizzativo a valenza annuale per le brevi uscite in zona; si chiederà specifica autorizzazione, di volta in volta, per uscite che prevedono l'utilizzo di mezzi pubblici.

Retta mensa: la deliberazione della Giunta Provinciale n. 1639 del 09 luglio 2010 ha fissato in € 4.00 la tariffa piena per l’accesso al servizio di mensa. Sono confermate le agevolazioni tariffarie, da calcolare col sistema esperto ICEF tramite il CAAF, a cui la famiglia deve rivolgersi. Migliori informazioni sono contenute nell’allegata nota.